Terrario

Home/Terrario

Allestimento, manutenzione e cura del terrario per il drago barbuto australiano

Trio di pogona vitticeps nel terrario[dropcap]L[/dropcap]a teca ideale per la pogona vitticeps dovrà avere un discreto sviluppo sia in lunghezza che in altezza, per adeguarsi alle abitudini semi-arboricole di questi sauri. In questo modo si potrà facilmente allestire una zona di “basking”, e cioè un punto rialzato del terrario che servirà da zona calda e da postazione di controllo del territorio. Gli animali lo utilizzeranno come fonte di calore per termoregolarsi e per favorire la digestione.

Le dimensioni del terrario dovranno essere proporzionate alla taglia degli animali (per i piccoli si consiglia una teca dalle dimensioni ridotte per facilitare il loro nutrimento, il basking e per abituarli alla nostra presenza) e al numero degli esemplari ospitati. Nonostante le numerose variabili, possiamo utilizzare un semplice schema per calcolare le giuste dimensioni della teca:

[checklist]

  • Larghezza: cinque volte la lunghezza di una pogona
  • Profondità: quattro volte la lunghezza di una pogona
  • Altezza: tre volte la lunghezza di una pogona

[/checklist]

Se consideriamo che mediamente una pogona adulta raggiunge una dimensione di circa venticinque centimetri dalla punta del naso alla cloaca (quindi coda esclusa) il calcolo è presto fatto: (25×5) 125 X (25×4) 100 X (25×3) 75 cm.
Gli animali in fase di crescita o sub-adulti possono essere tenuti in teche un po’ più piccole. Le dimensioni ottimali del terrario in questo caso sono di 60 X 35 X 40 cm. Nella teca possiamo tranquillamente ospitare 1-3 esemplari fino all’anno d’età.

Il terrario non è quindi un mero contenitore, dove tenere gli animali, bensì un microambiente nel quale questi affascinanti sauri potranno esprimere le loro potenzialità fisiologiche e comportamentali. Andrà posta quindi la massima cura nella scelta della teca o nella sua realizzazione. I materiali con cui vengono normalmente realizzati i terrari sono i più svariati: si va dalla classica teca di legno e vetro, a quelle simil-acquario interamente in vetro (che sconsigliamo per via del pessimo ricambio di aria) fino a quelle di ultima generazione stampate in resina plastica tipo Vision Cages.

Si dovrà ricreare fedelmente un biotopo desertico, con una bassa percentuale di umidità, e temperature elevate così da garantire una condizione ottimale per il benessere e lo sviluppo degli animali.