Temperatura

Home/Terrario/Temperatura

Riscaldamento e temperatura del terrario

[dropcap]T[/dropcap]emperatura e illuminazione sono i parametri fondamentali di cui dobbiamo preoccuparci quando realizziamo o allestiamo un terrario e sono essenziali per la buona salute dei nostri animali. Sarà fondamentale ricreare nella teca un biotopo che sia fedele a quello presente in natura, con il corretto gradiente termico e la giusta escursione giorno/notte.

Per prima cosa creeremo nel terrario due zone ben distinte: una zona fredda ed una zona calda. Per realizzarle utilizzeremo delle fonti di riscaldamento adeguate alle nostre esigenze e alle dimensioni della teca.

La zona calda, o basking spot, sarà quella dove le pogone andranno a riscaldarsi e a digerire i pasti e dovrà avere una temperatura compresa tra i 35 e i 38 gradi. Nella zona fredda invece il termometro dovrà fermarsi ai 28-30 gradi. Durante la notte le temperature non dovrebbero mai scendere al di sotto dei 16-18 gradi. Questi valori dovranno essere leggermente più alti (più 2-4 gradi) se nella teca ospitiamo dei piccoli di pogona vitticeps.

Per riscaldare la parte bassa del terrario, così da simulare la naturale irradiazione del terreno da parte dei raggi solari, si può usare un tappeto riscaldante o un cavetto riscaldante che andrà posto in uno spazio pari ad un terzo delle dimensioni della teca. Queste fonti di calore andranno poste sotto al substrato o esternamente sotto la base del terrario al fine di evitare il contatto diretto con gli animali ed eventuali ustioni.

Per la zona di basking invece utilizzeremo dei faretti riscaldanti, con una potenza commisurata alle dimensioni della teca, che oltre a fornire luce provvederanno a riscaldarla.